racconti di viaggio Cesare
20 Ott 2017

Racconti di viaggio: le vacanze di Cesare in Cambogia

 

[Scorri giù per il testo in italiano]

 

This year, I was the lucky recipient of three uninterrupted months of holiday, and, whilst I was really tempted to do something sensible, like relax, I decided to do something stupid instead, and so, I spent one month working on permaculture and organic farming projects in Northern Sardinia, one month wondering at what temperature human beings freeze to death with my older brother in Glasgow, and, most importantly for the purpose of this report, one month living with my younger brother in Cambodia.

 

Cambodia has some really fantastic national parks and nature reserves. The two that I visited were Phnom Bokor, in the centre of the country, and The Mondulkiri Elephant Sanctuary, which is unsurprisingly in Mondulkiri province, off towards the border with Vietnam.

 

Starting with elephants, because I guess those are the easiest thing to get people interested by, I saw elephants. Really close. Fed them bananas, watched their mahouts wash them in a river (it felt a little forward to wash an elephant that I had only been formally introduced to that morning), had staring contests with them, and just generally chilled with what it strikes me is basically an enormous grey cow with a hand. They are completely wicked. 

 

The sanctuary that I was visiting is run by a local group from the Bunong minority, who have historically kept a lot of elephants. The project has three main aims: to help conserve and regenerate the forests in eastern Cambodia, which have been hugely overexploited to supply hardwoods for furniture and other luxury items (which I am told are then mostly produced in Vietnam), to provide a safe environment for Bunong mahouts and their elephants, and to help raise awareness of Bunong culture and life in Cambodia. I would say that of the two that I saw directly (it’s really hard to tell if a huge region of the forest is regenerating from the ground) they are doing an excellent job. 

 

Our guide, Thom, told us a lot about the historical relationship between the Bunong and their elephants. The Budong community apparently used to have one elephant per community as a precious resource for their living. He also explained to me how expensive it was to organise an elephant wedding (it’s really expensive and involves sacrificing a lot of animals). Our time there was split between chilling with elephants and camping in the forest on day one, and then a 20km hike through the forest on day two. There happened to be a series of torrential downpours and a group of poorly balanced French tourists with us on the second day, and I’ve gotta say, I loved it. Nothing better in life than wading through a muddy forest in a thunderstorm. I believe it’s technically a form of heaven (I also swam in waterfalls and stuff, but, hell, you can do that anywhere).

 

Phnom Bokor, was mostly just a really, really, really big hill, in what is otherwise a very, very, very flat part of the country. It’s slightly downriver of Phnom Phen (“Phnom” as you may have guessed, means “hill” in Khmer) near a town called Kampot, which is also a lovely little place, with a beautiful tributary of the Tonle Sap river, and more backpackers than anyone could ever want to meet in a lifetime. Once you get to the top of that bad boy though, you really do have an incredible view of the country, and there are some fantastic abandoned buildings in the park, and also, confusingly, what I believe is intended to be the most expensive hotel in Southeast Asia…when it’s finished.

 

After all of this, we get to Phnom Phen.

 

Now to the casual observer, me and my younger brother look very alike; we both have beards, his hair is slightly longer than mine, and I am slightly taller than him. The real key difference between me and my younger brother in this situation though, is that his Khmer is actually very good (he’s lived there for nearly five years) whereas mine covers asking for coffee and being able to count from 2-4 (the number one remains a mystery to me, as does the exact order of 2 and 3. So an unkind observer would say that I know the number 4 in Khmer).

 

This caused me problems. First of all, there were the stage one language problems, with the people who clearly just straight up had difficulty telling us apart, and would, therefore, ask me long complicated questions in Khmer on the basis that they seemed to remember I was the one of the two of us they were talking to originally.

 

Then there were the stage two issues, which were much more common, who were the people that assumed that because I was sat next to a person who could happily hold a conversation in Khmer, therefore I was also virtually fluent, and just wanted to be included in the conversation.

 

Finally, of course, there were the third stage language issues, which were formed by the people who seemed so shocked to meet a European that said anything in their language, they automatically assumed that I was a fluent Khmer speaker.

 

A lot of my holiday was spent answering “any further questions” in my best Italian, just to be difficult. I never did succeed in my quest to find a Khmer/Italian bilingual.

 

Phnom Phen is something of an interesting experience as a city. It’s surprisingly small, with only around two million inhabitants, every single one of whom owns a scooter. This makes for a very interesting journey through the city, particularly if you are walking, because, as far as I can tell, at any one time you have around 2 million people trying to get to a series of conflicting destinations at the same time, on motorbikes. I’m exaggerating, of course. Most of the mopeds in Phnom Phen have at least 3 people on them (they brought in a new legal limit recently because 5 people on one Vespa felt a little silly). 

 

Because of a combination of different things, the whole city is changing at a really quite alarming rate (for example, during the month or so that I was there, a group of hardworking bongs essentially built a new three-storey building opposite to my brother’s house). As well as the more famous “monuments” to what an awful group of people the Khmer Rouge were, there are some really wonderful examples of traditional Khmer architecture, like the Royal Palace and, any of the main temples in the city. Phnom Phen is also one of the only two cities in the world that has a permanent colony of bats, and I don’t care what anyone says about that, that is incredibly cool. 

 

However, other than sightseeing, dribbling around, reading and trying to learn Khun Khmer (it’s like Thai boxing, but with fewer frills). My brother trains at a fantastic gym run by a bong called Chan Rothana. Check out some of his fights; genuinely scary man, and speaks wonderful French I’m told), the best thing that I did while I was out there was a little volunteering with NGO that my brother works for, goes by the name of Aziza’s Place.

 

Aziza’s place is a fantastic little charity, which is locally run and directed. It is an educational charity, which works to improve the lives of children from impoverished communities in and around Phnom Phen by providing them with additional tuition and educational support. They give lessons on everything from maths, science and English to life skill like first aid and creative subjects like music and art. They also provide free meals for the students, and the opportunity for the smaller ones to have a nap in the afternoon. It’s basically a really happy place, and they needed a handyman for a couple of days. The kids thought it was hilarious that they were now seeing double of their English teacher (my brother teaches English there), and I thought it was hilarious that they were all so little, so we got something out of it. Check out their websites, they put it much more succinctly than I ever could. I helped them to create a more extensive art and music space for the kids, as well as starting the preliminary work on making an indoor play area for them, because, as we discussed above, when it rains in Cambodia, it really, really, really rains.

 

That essentially concludes the section of my memories about Cambodia that I feel I can tell people about and still look like a professional.

 

And, yes, I didn’t go to Angkor Wat, because I am a deliberately difficult person.

 

 

 

Quest’anno sono stato il fortunato beneficiario di tre mesi ininterrotti di vacanza e, nonostante sia stato fortemente tentato di fare qualcosa di saggio e ponderato, come rilassarmi, ho deciso invece di fare qualcosa di stupido e ho quindi trascorso un mese intero a lavorare su un progetto di permacultura e coltivazioni biologiche nel Nord Sardegna, un mese a Glasgow con mio fratello maggiore a chiedermi a quale temperatura si congelano gli esseri umani e, cosa più importante ai fini di questo racconto, un mese in Cambogia con mio fratello minore.

 

La Cambogia vanta dei parchi nazionali e delle riserve naturali davvero fantastici. I due parchi che ho visitato sono stati Phnom Bokor, al centro del Paese, e il Santuario degli Elefanti di Mondulkiri, che si trova, senza grande sorpresa, nell’omonima provincia di Mondulkiri, verso il confine con il Vietnam.

 

Iniziando dagli elefanti, che credo sia l’argomento che possa interessare maggiormente, posso dire di averli visti. E anche da molto vicino. Ho dato loro da mangiare qualche banana, ho visto i loro mahouts (n.d.T. custodi) lavarli nel fiume (mi sembrava un tantino azzardato lavare un elefante al quale ero stato formalmente presentato solo quella mattina), ho giocato a sfidarli con lo sguardo e, in generale, mi sono rilassato con questi animali che in definitiva sono delle enormi mucche grigie con le mani. Li ho trovati assolutamente strepitosi.

 

Il santuario che ho visitato è gestito da un gruppo locale appartenente alla minoranza Bunong, che storicamente ha sempre badato agli elefanti. Il progetto ha tre scopi principali: conservare e rigenerare le foreste della Cambogia orientale che sono state sfruttate massivamente per fornire legno per arredi e altri oggetti di lusso (che mi hanno detto essere prodotti per la maggior parte in Vietnam), fornire un ambiente sicuro ai mahouts Bunong e ai loro elefanti e aiutare a far conoscere maggiormente la cultura Bunong e la vita in Cambogia. Stando alle due riserve che ho visitato (anche se è molto difficile dire se un’enorme porzione di foresta si sta rigenerando dal terreno), stanno facendo un eccellente lavoro.

 

La nostra guida, Thom, ci ha raccontato tante cose sulla relazione storica tra i Bunong e i loro elefanti. I Bunong hanno sempre avuto un elefante per famiglia, una risorsa preziosa per il lavoro e per il sostentamento. Mi ha anche spiegato quanto fosse dispendioso organizzare un matrimonio per gli elefanti (sì, anche gli elefanti si sposano per poter procreare; il matrimonio è davvero caro e comporta il sacrificio di molti animali). Abbiamo passato parte del primo giorno a rilassarci con gli elefanti e parte a campeggiare nella foresta, quindi, il secondo giorno abbiamo camminato per 20 km attraverso la foresta. Ci siamo imbattuti in una serie di piogge torrenziali e un gruppo di turisti francesi fuori di testa si è unito a noi il secondo giorno, ma devo ammettere che ho amato tutta la situazione. Niente di meglio nella vita che guadare una foresta fangosa nel bel mezzo di un temporale. Penso che tecnicamente sia una specie di paradiso (ho nuotato anche in una cascata ma, cavolo, quello lo puoi fare ovunque).

 

Phnom Bokor è più che altro una grande, grande, grandissima collina in una parte del Paese che altrimenti è davvero molto, molto pianeggiante. È leggermente a valle di Phnom Phen (come avrete forse intuito “Phom” significa “collina” in lingua khmer), vicina a una città chiamata Kampot, un posto incantevole con uno splendido affluente del fiume Tonle Sap e con più viaggiatori con zaino in spalla di quanto uno potrebbe mai desiderare di incontrare in una vita intera. Una volta raggiunta la cima di quel “ragazzaccio” (la collina), il panorama circostante è davvero incredibile; ci sono alcuni fantastici edifici ormai abbandonati nel parco nonché, cosa alquanto singolare, quello che ho capito essere l’hotel più costoso di tutta l’Asia dell’est…quando sarà finito.

 

Dopo tutto ciò, siamo arrivati a Phnom Phen.

 

Ora, per un osservatore distratto, io e mio fratello minore ci assomigliamo molto; abbiamo entrambi la barba, i suoi capelli sono poco più lunghi dei miei e io sono leggermente più alto di lui. La vera differenza tra noi due in questa situazione è che il suo khmer è di fatto molto buono (è vissuto lì per quasi cinque anni) mentre il mio arriva a chiedere un caffè, contare da 2 a 4 (il numero 1 rimane per me un mistero, così come l’esatto ordine di 2 e 3; quindi un osservatore poco gentile direbbe che conosco solo il numero 4 in khmer).

 

Ciò mi ha creato dei problemi. Prima di tutto, il livello-1-del-problema-lingua si è creato perché la gente aveva davvero difficoltà a distinguerci e mi rivolgeva lunghe e complicate domande in lingua khmer pensando che io fossi quello dei due con cui avevano parlato originariamente.

 

Poi, c’era il livello-2-del-problema-lingua, molto più frequente, cioè la gente che dava per scontato che io parlassi la lingua khmer solo perché sedevo a fianco a una persona in grado di fare una conversazione disinvolta in khmer. E quindi sulla base di questo, anche io “dovevo” essere fluente e “dovevo” essere coinvolto nella conversazione.

 

E infine il livello-3-del-problema-lingua: c’erano quelli che sembravano quasi scioccati nel vedere un europeo in grado di dire una qualunque parola in lingua khmer e davano automaticamente per scontato che io parlassi fluentemente la loro lingua.

 

Ho trascorso buona parte delle mie vacanze rispondendo a ogni altra domanda “varia ed eventuale” nel mio miglior italiano, giusto per complicarmi la vita. Ma purtroppo non ho mai trovato un bilingue khmer/italiano.

 

Phnom Phen è una città tutto sommato interessante da visitare. È sorprendentemente piccola, solo due milioni di abitanti circa, ognuno dei quali dotato di uno scooter. Questo fatto rende molto interessante girare per la città, specialmente a piedi, perché, per quanto ho avuto modo di vedere, in ogni momento ci sono circa due milioni di persone che cercano di raggiungere ciascuna una diversa destinazione, in scooter. Ovviamente sto esagerando. La maggior parte dei motorini a Phnom Phen carica almeno tre persone (hanno portato il limite a tre, perché cinque persone su una Vespa sembrava ridicolo).

 

Per una serie di motivi l’intera città sta cambiando ad una velocità allarmante (ad esempio, durante il mese in cui sono stato lì un gruppo di laboriosi muratori ha costruito un nuovo edificio di tre piani proprio davanti alla casa di mio fratello). Oltre ad alcuni più noti “monumenti” riconducibili a quell’orribile gruppo di persone che risponde al nome di Khmer Rossi, ci sono alcuni meravigliosi esempi di architettura tradizionale Khmer, come il Palazzo Reale e tutti i principali templi della città. Phnom Phen è anche una delle due uniche città al mondo che ospita una colonia permanente di pipistrelli. E non mi importa cosa ne possano pensare gli altri, per me è una cosa fichissima.

 

Comunque, oltre ai giri turistici, a dribblare i motorini, a leggere e a imparare il Khun Khmer (è come il Thai boxe, ma con meno fronzoli; mio fratello si allena in una fantastica palestra sotto l’egida di un tizio di nome Chan Rothana, date uno sguardo ad alcuni suoi combattimenti: un uomo davvero pauroso che, mi hanno detto, parla un perfetto francese), la cosa migliore che ho fatto quando ero laggiù è stato un po’ di volontariato con la ONG per la quale lavora mio fratello, che si chiama Aziza’s Place.

 

Aziza’s Place è una piccola ma fantastica organizzazione benefica, gestita e condotta da locali. È un’organizzazione che lavora per migliorare la vita dei bambini che provengono dalle comunità più povere dentro e fuori Phnom Phen fornendo loro supporto supplementare nell’istruzione e nell’insegnamento. Offrono lezioni su tutte le materie scolastiche come matematica, scienze, inglese ma anche i rudimenti del pronto soccorso e argomenti creativi come musica e arte. Offrono inoltre pasti gratuiti agli studenti e l’opportunità per i più piccoli di fare un riposino nel pomeriggio. In pratica è un’oasi felice che aveva bisogno di un tuttofare per un paio di giorni. I bambini trovavano divertente vedere la replica del loro insegnante di inglese (mio fratello insegna inglese lì) e io pensavo che fosse divertente vedere quanto fossero piccoli, quindi, alla fine ci siamo divertiti tutti quanti. Andate a vedere il loro sito, loro raccontano in maniera ancora più sintetica di quanto potrei fare io. Li ho aiutati a creare uno spazio più ampio per arte e musica e ho cominciato a gettare le basi per la realizzazione di un’area gioco coperta per loro perché, come ho detto prima, quando in Cambogia piove, piove davvero tanto.

 

Questo è quanto, e credo che ciò sia il massimo che possa raccontare della mia esperienza in Cambogia senza rischiare di perdere credibilità come professionista.

 

E sì, non sono andato ad Angkor Wat, perché sono per scelta una persona difficile.

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più accedi alla pagina dell’ informativa estesa sui Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi